Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Yahoo

Cessione di Yahoo! Dalle sue ceneri nasce Altaba

Tutto ha inizio con Marissa Mayer, ex manager di Google passata a suon di milioni alla guida di Yahoo! nel 2012 per risollevarne le sorti. E in un primo momento così è stato, grazie a decisioni basate su tagli e investimenti. Purtroppo nel 2016 l’azienda è andata in rosso di
1,1 miliardi in seguito ad alcuni passi falsi della manager che, secondo gran parte della stampa statunitense, sono da riscontrare nell’acquisizione di Tumblr nel 2013 e nella scarsa propensione a delegare le decisioni.

Yahoo! potrebbe essere stata il danno collaterale di una cyberwar tra Russia e Usa

Chi non ha sbagliato scagli la prima pietra, e infatti i problemi di Yahoo! non sono stati causati solo dalla Mayer, ma anche dagli scandali dei ultimi anni inerenti al furto di account e alle rivelazioni sulle backdoors concesse dall’azienda a diverse agenzie di sicurezza statunitense. Gli hackeraggi sono avvenuti nel 2013 e 2014, ma sono stati resi noti solo tra dicembre e settembre 2016. Il primo attacco informatico è stato sferrato ai sistemi di matrice russa con la sottrazione dei dati di una quarantina di utenti, Yahoo! ha così coinvolto l’FBI e qualche tempo dopo si è verificato il secondo attacco, stavolta sottraendo mezzo miliardo di account. La guerra nel nostro secolo avviene anche con i computer e sono due i principali filoni della cyberwar: USA-CINA per conflitti tra Occidente e Oriente e USA-RUSSIA per quanto concerne lo spionaggio internazionale, campo in cui la Russia si è sempre fatta valere. Restano, dunque, aperte la domanda e l’indagine per capire se l’attacco hacker alla matrice russa di Yahoo! sia da inquadrare o meno nel campo di una guerra informatica.

Yahoo! viene divisa

Dunque per le perdite subite, Yahoo! verrà ceduta al colosso delle telecomunicazioni americano VerizonInnanzitutto è bene precisare che non viene ceduta l’intera azienda, ma soltanto la divisione internet comprendente casella mail, forum, chat, motore di ricerca e siti di news controllati da AOL. Questa divisione manterrà il nome Yahoo!. L’importo della cessione doveva aggirarsi intorno i 4,8 miliardi di dollari, ma dopo aver fatto luce sulla notizia dei due attacchi hacker, di cui Mayer non aveva informato i compratori, Verizon ha rimesso a lavoro il suo team di avvocati per rinegoziare gli accordi.

Dell’intera azienda Yahoo!, restano fuori dalle trattative con Verizon le azioni della compagnia cinese Alibaba Group e quelle di Yahoo Japan. La nascita di Altaba ha proprio lo scopo di gestire questo patrimonio azionario e si concentrerà sui servizi di divulgazione informativa nel campo della finanza. Quindi dalle ceneri di quel che resta di Yahoo! nasce Altaba, il cui nome è l’unione di “Alternative” e “Alibaba”. Inevitabili i mutamenti interni, a partire dalla riduzione del Consiglio di Amministrazione da 11 a 5 membri, dalle dimissioni di Marissa Mayer e David Filo (uno dei cofondatori), per finire con la nomina di Eric Brandt a Presidente di Altaba, mentre l’ex presidente di Yahoo! Maynard Webb diventerà Presidente Emerito.