Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Wind

Wind cancella il roaming nell’Unione Europea

Addio ricariche telefoniche d’emergenza effettuate dai parenti in Italia, addio sovrapprezzi e telefonate telegrafiche.
Le normative europee in materia di roaming, discusse negli ultimi mesi, prevedono l’abolizione degli extra-costi in vigore tutt’ora nei paesi della Comunità Europea a partire dal prossimo 15 giugno, prima delle vacanze estive.

Tuttavia la compagnia telefonica Wind, recentemente fusa con Tre, batterà sul tempo tutte le altre anticipando l’abolizione dei costi di roaming al 24 aprile, data a partire dalla quale saranno in vigore le tariffe nazionali in tutto il territorio europeo: gli utenti Wind potranno, in anticipo di circa due mesi rispetto agli altri gestori telefonici, utilizzare minuti, sms e traffico dati senza alcun costo aggiuntivo.

Wind e il “goodbye roaming” in anticipo sui tempi

Suona strategica la scelta di marketing, qui in Italia, l’applicazione della normativa in materia di roaming il 24 aprile, in pieno ponte del 25 aprile, Festa della Liberazione, che vedrà come ogni anno milioni di italiani in viaggio.
Ad annunciare l’anticipo del goodbye roaming in un tweet è il primo febbraio Miapetra Kumpula-Natri, l’europarlamentare che ha condotto la trattativa sulla normativa in rappresentanza del parlamento dell’Unione Europea. Michiel J. Van Eldik, chief consumer & digital offer di Wind, ha definito la normativa “un importante vantaggio in termini di semplicità, comodità e immediatezza”, in quanto permetterà agli utenti delle compagnie telefoniche – e agli utenti Wind prima di tutti gli altri – di comunicare liberamente col proprio paese, senza costi aggiuntivi, non solo tramite chiamate e sms, ma anche tramite le ormai comunissime app di messaggistica che, a costo zero e appoggiandosi alla rete internet, permettono comunicazioni rapide ed efficaci.
Non solo: il turista in viaggio avrà, grazie all’abolizione dei costi di roaming, la possibilità di condividere i propri scatti sui social network in qualsiasi momento.
Ma niente paura, non saranno ancora a lungo soltanto gli utenti Wind a usufruire di questi grandiosi vantaggi: gli altri operatori telefonici dovranno adeguarsi alle normative europee entro la metà di giugno, pena pesanti sanzioni monetarie.
Comunicare con l’estero non è mai stato così semplice.