Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Mercificazione, come viene visto il corpo delle donne

Mercificazione femminile, parliamone!

Il problema della mercificazione del corpo femminile resta tra i più attuali, ma, purtroppo, non ancora sentito abbastanza. Il tema delle donne viste come cibo, o merce, o oggetto del desiderio. Niente di nuovo sotto il sole nonostante il femminismo, la liberazione della donna, il progresso. Da innumerevoli dibattiti esso è stato affrontato, cercando di individuarne cause e possibili rimedi, eppure non solo persiste ma si aggrava giorno dopo giorno.

Basterà soffermarsi a riflettere a che scopo una gran parte delle donne che appaiono in televisione hanno una funzione nient’altro che decorativa. Si tratta di uno stratagemma pubblicitario secondo il quale, per vendere un prodotto o per far aumentare gli ascolti di un programma televisivo, è molto più facile puntare sulla presenza visiva di un bel corpo piuttosto che sulla qualità.

Mercificazione, ma sono queste le vere donne?

Continuando ad incoraggiare questo modello di donna, basato non sull’essere ma sull’apparire, si incentiva inevitabilmente e sempre più anche la concezione della superiorità del corpo della donna sul suo intelletto. Come si può sperare in una crescita della considerazione della donna quando ormai questa si sta riducendo a diventare uno strumento sessuale ed erotizzante? L’utilizzo manipolatorio del corpo femminile, del quale vengono mostrate le parti più provocanti, sta riducendo queste donne allo stato di merce.

Ciò non è altro che un’offesa alle grandi donne che si sono affermate in ambito lavorativo, facendo leva sulle loro qualità e non sulla bellezza e la sensualità del loro corpo. Purtroppo la realtà è che le immagini di queste ultime non compensano quelle delle donne che appaiono mezze nude in televisione o sui cartelloni pubblicitari.

Il problema non richiama l’attenzione necessaria perché le donne in questione non sono vittime ma acconsentono per prime alla mercificazione del loro corpo.

Gli indiretti colpevoli di questo degrado siamo noi che alimentiamo il successo di questo stratagemma pubblicitario. Una nota di sdegno va anche rivolta alla censura dei mass media che, pur di influenzarci tramite l’utilizzo del corpo, si sta riducendo all’essenziale. La vera colpa, tuttavia, è da addossare nelle stesse donne che stanno perdendo la propria identità.

Le conseguenze di questa mercificazione sono la deviazione per la costruzione dei modelli da parte dei giovani.

Sono loro a sentirsi scoraggiati dalla consapevolezza che il facile successo è legato alla bellezza fisica. Le donne hanno imparato a porsi come oggetto di desiderio per ottenere l’attenzione che richiedono.

Interessante a tal proposito il documentario “Il Corpo delle Donne” di Lorella Zanardo (attualmente conta 6 milioni di visualizzazioni su YouTube). Il documentario affronta la rappresentazione del femminile nella TV italiana.
Donne che, mistificando la realtà con i loro corpi perfetti, si accontentano di essere rappresentate come belle e mute, possono essere in grado di rappresentare il genere femminile?

……….

Mercificazione, alcuni libri