Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Libera compie 20 anni

L’ONG ”Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, meglio conosciuta come Libera, nata il 25 marzo 1995 e fondata da Don Luigi Ciotti con l’intento di ”sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia”, compie 20 anni. Vent’anni nei quali Libera, che è ormai un coordinamento di oltre 1500 associazioni, ha portato avanti tanti progetti, tra i quali campi di formazione antimafia e la promozione del riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Nel 2012 è stata inserita dalla rivista The Global Journal nella classifica delle cento migliori Ong al mondo. Libera ha ricevuto gli auguri di alcuni volti noti della scena cinematografica, musicale e giornalistica italiana.

Leggiamone alcuni:

Il giornalista Roberto Saviano scrive : ”Libera sono beni che rinascono da un terreno un tempo innaffiato con sangue e veleno” e ancora ”Di Libera fanno parte quelle persone che parlano di mafia sapendo che non stanno insultando il proprio Paese, ma che parlandone e agendo, al contrario, lo stanno rendendo libero.”

Il pensiero di Marco Tullio Giordana, regista dei Cento passi, film che racconta la vita di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia siciliana nel 1978, va ai membri di famiglie mafiose che vorrebbero affrancarsi dal cappio della malavita organizzata, ma che non riescono. Ricorda inoltre l’episodio in cui gli fu chiesto di dare il nome del suo lavoro più conosciuto al vino prodotto da tre cooperative sociali operanti su terreni confiscati a Cosa Nostra.

Luigi Lo Cascio, protagonista e quindi interprete di Peppino Impastato nel film sopraccitato, ha scritto una poesia per l’occasione. Alcuni versi recitano così:

Tu non ci crederai ma sta nascendo

ancora mi ricordo la sorpresa

nel dirlo ad un amico siciliano-

tutto un fermento, un nuovo movimento,

impresso dentro il cuore della gente

a cui sta troppo stretta la catena.

Il cantautore Caparezza racconta un aneddoto relativo al suo primo incontro con Don Luigi Ciotti, avvenuto durante una tappa del suo ”Eretico Tour”, a favore di Libera: ”Don Ciotti mi tolse subito dall’imbarazzo ricordandomi che l’etimologia del termine ”eresia” deriva dal greco e significa scelta e che lui, prete diversamente eretico, una scelta l’aveva fatta, eccome.”

Inoltre, pochi giorni prima di compiere vent’anni Libera ha organizzato, come ogni 21 marzo dal 1996, la Giornata della memoria e dell’impegno per ricordare le vittime innocenti di mafia. La data scelta, il 21 marzo, che segna l’inizio della primavera, rappresenta la speranza di sconfiggere il malaffare che si rinnova di anno in anno. La manifestazione di quest’anno ha avuto luogo a Bologna, mentre nel 2001 si è svolta a Torre Annunziata e nel 2009 nella vicina Napoli. Per saperne di più clicca qui

Auguri dunque, Libera, affinché la terra di legalità che coltivi di giorno in giorno sia sempre più florida, e che i suoi frutti maturi non siano più insidiati dai parassiti che ne succhiano linfa vitale.

Libera compie 20 anni