Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La nuova stagione del Teatro Stabile 2018-2019 presentata al Mercadante

La nuova stagione del Teatro Stabile 2018-2019 presentata al Mercadante

Nell’elegantissima cornice del Teatro Mercadante si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione della  nuova stagione del Teatro Stabile di Napoli. Il presidente Filippo Patroni Griffi e il direttore artistico Luca De Fusco hanno interagito con pubblico e artisti al fine di illustrare il prossimo ricco tabellone teatrale, all’insegna di proposte che variano dai classici fino ad arrivare ai contemporanei, passando attraverso la danza.

I grandi successi del Teatro Stabile di Napoli

Il presidente ha espresso con orgoglio la riconferma del primato del Teatro Stabile a Teatro Nazionale, tra i più importanti nel Mezzogiorno d’Italia. In un momento politico davvero difficile, la cultura deve essere la risposta a qualsiasi domanda: “Siamo pronti a valorizzare l’offerta, ricca e diversificata, della nuova stagione teatrale” ha affermato Filippo Patroni Griffi. Nonostante le numerose difficoltà economiche, dettate soprattutto da uno scarso finanziamento della regione, lo Stabile ha saputo destreggiarsi con le proprie risorse e passare dal sedicesimo al sesto posto nella lista dei più importanti teatri italiani.

La nuova stagione teatrale non vede protagonisti solo i classici della grande letteratura e del grande teatro, ma si distingue anche e soprattutto per l’impronta napoletana dei suoi spettacoli: ancora una volta è la città la vera protagonista della scena culturale, declinata in tutte le sue diverse sfaccettature. Ma non solo. Il vero tentativo è quello di riuscire a coniugare la realtà cittadina con le realtà esterne. Di conseguenza, importare ed esportare sono termini chiave, volti a instaurare un dialogo ininterrotto tra il fuori e il dentro, tra Napoli e Italia (e addirittura estero!).

È dunque necessario mettere in risalto ciò che di positivamente rilevante accade in una città così contraddittoria come Napoli e non scegliere solamente di raccontare gli accadimenti nefasti del presente, come ha affermato lo stesso direttore. Ancora una volta, infatti, il teatro si è confermato tra i migliori per offerta in Campania e in Italia soprattutto. L’orgoglio per un primato così importante come quello del Teatro Stabile è assolutamente lecito se immerso all’interno di una situazione problematica come talvolta può apparire quella della città.

Durante la conferenza, inoltre, si sono toccati altri temi importantissimi come quello della scuola teatrale del Mercadante. Nata sotto il segno della famiglia De Filippo, continuerà a operare sul territorio, assicurano Griffi e De Fusco, malgrado le numerose difficoltà. Anche la scelta di inserire nel cartellone spettacoli di danza, settore in lento decadimento in Italia, rappresenta una precisa volontà: quella di gettare un’ancora di salvataggio a un tipo di intrattenimento che predilige le emozioni e non l’intelletto.

La programmazione della nuova stagione del Teatro Stabile

Il direttore Luca De Fusco ha asserito: “Abbiamo cercato di far coincidere la conferma a Teatro Nazionale con un cartellone particolarmente gioioso. Uso questo termine non perché presentiamo solo spettacoli divertenti: sarebbe contrario alla stessa filosofia di un teatro pubblico. La gioia di cui parlo è quella dell’amore per il teatro, perché in questa stagione non c’è genere teatrale o linguaggio scenico che venga trascurata“.

Al Mercadante:

24 ottobre-11 novembre 2018 : Salomé di Oscar Wilde, regia Luca de Fusco, con Eros Panni, Gaia Aprea, Anita Bartolucci, Silvia Biancaluna, Paolo Cresta, Luca Iervolino, Gianluca Musiu, Alessandra Pacifico Griffini, Giacinto Palmarini, Paolo Serra, Enzo Turrin.

5-16 dicembre 2018: John Gabriel Borkman di Hernik Ibsen, regia Marco Sciaccalunga, con Gabriele Lavia, Laura Marinoni, Federica Di Martino.

9-20 gennaio 2019: Oedipus Rex da Oidìpus tyrannos di Sofocle, progetto e regia Robert Wilson, con Mariano Rigillo e altri attori da definire.

22-27 gennaio 2019: Il Gabbiano di Anton Checov, regia Marco Sciaccalunga, con Roberto Alinghieri, Alice Arcuri, Eva Cambiale, Andrea Nicolini, Elisabetta Pozzi, Tommaso Ragno, Stefano Santospago, Francesco Sferrazza Papa, Kabir Tavani, Mariangeles Torres, Federico Vanni

29-3 febbraio 2019: Chi vive giace di Roberto Alajmo, regia Armando Pugliese, con Roberto Nobile, Lucia Sardo

6-17 febbraio 2019: Il penitente di David Mamet, regia Luca Barbareschi, con Lunetta Savino, Luca Barbareschi, Massimo Reale, Duccio Camerini.

19-24 febbraio 2019: Alisa, uno spettacolo di Andrey Moguchy.

26 febbraio-3 marzo 2019: Enrico IV di Luigi Pirandello, adattamento e regia Carlo Cecchi, con Carlo Cecchi, Angelica Ippolito, Gigio Morra, Roberto Trifirò.

20-31 marzo 2019: La scuola delle mogli di Molière, regia Arturo Cirillo, con Arturo Cirillo, Valentina Picello, Rosario Giglio, Marta Pizzaglio, Giacomo Vigentini.

3-14 aprile 2019: Scene da un matrimonio di Ingmar Bergman, regia Andrej Konchalovskij, con Julia Vysotskaya, Federico Vanni.

24 aprile-5 maggio 2019: Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller, regia Giuseppe Dipasquale, con Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini.

7-12 maggio 2019: La guerra di Carlo Goldoni, regia Franco Però, con Filippo Borghi, Federica de Benedettis, Ester Galazzi, Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Maria Grazia Plos.

Al San Ferdinando:

7-18 novembre 2018: Le rane di Aristofane, regia Giorgio Barberio Corsetti, con Valentino Picone, Salvo Ficarra.

26 dicembre 2018- 6 gennaio 2019: Il senso del dolore di Maurizio De Giovanni, regia di Claudio Di Palma, con Claudio Di Palma, Chiara Baffi, Renato de Simone, Alfonso Postiglione, Lucia Rocco.

17 – 27 gennaio 2019: E pecchè? E pecchè? E pecchè? Pulcinella in Purgatorio, drammaturgia di Linda Dalisi, regia Andrea De Rosa, cast in via di definizione.

7-17 febbraio 2019: Assunta Spina di Salvatore Di Giacomo, regia Pino Carbone, con Chiara Baffi, Alessandra Borgia, Valentina Curatoli, Renato De Simone, Claudio Di Palma, Alfonso Postiglione, Lucia Rocco.

28 febbraio-10 marzo 2019: Il paese di Cuccagna di Matilde Serao, regia Paolo Coletta, cast in via di definizione.

28 marzo-7 aprile 2019: Festa al Celeste e nubile santuario, testo e regia Enzo Moscato, con Cristiana Donadio.

26 aprile – 5 maggio 2019: Medea di Portamedina di Francesco Mastriani, regia Laura Angiulli, con Alessandra D’Elia, Massimiliano Gallo, Monica Demuru, Caterina Pontrandolfo.

Danza:

9-10 marzo 2019 al Teatro Politeama: Carmen(s), coreografia di Jose Montalvo.

12-14 marzo 2019 al Teatro San Ferdinando: Petruska, coreografia di Virgilio Sieni.

15-17 marzo 2019 al Teatro Mercadante: Non solo Medea, coreografia Emio greco e Pieter Sholten.