Seguici e condividi:

Eroica Fenice

"TFR" di Lello Marangio & Lucio Pierri, risate di fine rapporto all'Augusteo

“TFR” di Lello Marangio e Lucio Pierri, risate di fine rapporto all’Augusteo

Una commedia ben scritta e ben interpretata da un talentuoso cast. Risate e riflessioni. Un finale a sorpresa davvero geniale. Questo è il bagaglio di intrattenimento che ci ha lasciato ieri sera TFR – Trattamento di Fine Rapporto, spettacolo scritto da Lello Marangio e Lucio Pierri, andato in scena al Teatro Augusteo di Napoli.

La storia, di grandissima attualità, segue le tragicomiche vicende di una azienda di pannelli fotovoltaici che, in seguito a manomissioni al fatturato della sua direttrice, la Dottoressa Borromeo (Rosaria De Cicco), rischia la chiusura. Un Euro Parlamentare (Massimo Carrino) colluso con la camorra e un imprenditore cinese (Davide Marotta) tenteranno di approfittarne. Ultimo baluardo degli operai a rischio licenziamento saranno tre sgangherati rappresentati sindacali – oltre che lavoratori della fabbrica – Michelangelo (Lucio Pierri), Francesco (Ernesto Lama) e Karina (Yuliya Mayarchuk) tenteranno ogni possibile escamotage per far fronte alla bancarotta. Ci riusciranno? Questa è la domanda che scena dopo scena viene posta allo spettatore mentre gli si palesano di fronte tutte le malsane dinamiche che inquinano le già malsane acque in cui versano le aziende italiane. La corruzione della politica, che non è immune dallo scendere a compromessi, gli appalti truccati e gli accordi con i rappresentati della malavita, gli acquirenti stranieri dal denaro facile, che vogliono conquistare e monopolizzare.  I sogni, le paure e gli amori tra operai, nello specifico, infondono una verve di leggerezza e ironia alla commedia, in cui ogni dialogo è chiuso da una battuta, una gag o un gioco di parole.

Lello Marangio e Lucio Pierri descrivono un malcostume tutto italiano

Nello scacchiere, che ricorda molto i gialli americani in cui tutti i personaggi, in fondo, sono colpevoli, che il duo presenta sulla scena, non mancano sorprese e colpi di scena. Gli ultimi dieci minuti dello spettacolo, come accennato in precedenza, sono un vero e proprio capolavoro drammaturgico e donano uno spessore notevole ad una recita che era stata comunque fluida, sagace e interessante fino a quel momento, anche per l’ottima sinergia tra gli attori che hanno dato carisma, identità e sfumature ai loro personaggi.

TFR – Trattamento di Fine Rapporto sarà in scena fino a domenica 6. E noi non possiamo che consigliarvelo.